CANONE UNICO PATRIMONIALE E CANONE MERCATALE | Imposte e Tariffe

CANONE UNICO PATRIMONIALE E CANONE MERCATALE

A decorrere dal 2021 è stato introdotto il canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria, c.d. “Canone Unico”, ai sensi dell’art. 1 commi 816 e seguenti Legge n. 160/2019.
Il canone sostituisce: la tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche, il canone per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche, l'imposta comunale sulla pubblicità e il diritto sulle pubbliche affissioni, il canone per l'installazione dei mezzi pubblicitari e il canone di cui all'articolo 27, commi 7 e 8, del codice della strada, di cui al Decreto Legislativo 30/04/1992, n. 285, limitatamente alle strade di pertinenza dei comuni e delle province.
Il nuovo Canone è disciplinato, oltre che dalle norme di legge, dal Regolamento comunale approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 8 del 14/04/2021.

Il presupposto del canone è:

  1. l'occupazione, anche abusiva, delle aree appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile degli enti e degli spazi soprastanti o sottostanti il suolo pubblico;
  2. la diffusione di messaggi pubblicitari, anche abusiva, mediante impianti installati su aree appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile degli enti, su beni privati laddove siano visibili da luogo pubblico o aperto al pubblico del territorio comunale, ovvero all'esterno di veicoli adibiti a uso pubblico o a uso privato.

CHI DEVE PAGARE IL CANONE

Il canone è dovuto dal titolare dell'autorizzazione o della concessione ovvero, in mancanza, dal soggetto che effettua l'occupazione o la diffusione dei messaggi pubblicitari in maniera abusiva; per la diffusione di messaggi pubblicitari, è obbligato in solido il soggetto pubblicizzato.

COME SI CALCOLA

Il canone è determinato, in base alla durata, alla superficie, espressa in metri quadrati, alla tipologia e alle finalità, alla zona occupata del territorio comunale in cui è effettuata l'occupazione o diffusione di messaggi pubblicitari.

È applicata la tariffa annua nel caso in cui l'occupazione si protragga per l'intero anno solare (occupazioni permanenti, che si hanno quando la concessione è annuale e le strutture poste sul suolo non vengono rimosse, sottraendo il suolo permanentemente all'uso generale dei cittadini).

È applicata la tariffa giornaliera nel caso in cui l'occupazione si protragga per un periodo inferiore all'anno solare (occupazioni temporanee, che si realizzano quando, indipendentemente dalla durata della concessione, le strutture poste sul suolo vengono rimosse una volta terminata l'attività).

COME SI VERSA

Il versamento del canone è effettuato, direttamente agli enti, contestualmente al rilascio della concessione o dell'autorizzazione all'occupazione o alla diffusione dei messaggi pubblicitari.

Il concessionario per il Comune di Malegno per il servizio di riscossione e accertamento dei canoni è la società San Marco Spa con sede a Lecco in Via Gorizia n. 56

I versamenti d'imposta possono essere effettuati sul conto postale dedicato n. 1054648033 intestato a Comune di Malegno Canone Unico

IBAN: IT35P0760111200001054648033

La scadenza per i versamenti annuali è fissata al 31 marzo, posticipata per l'anno 2021 al 31/05/2021

 

CONTATTI

Per informazioni sulle affissioni, contattare: 

PUBLIVALLE SAS
via Montegrappa 43
24060 Rogno
tel 035 982620 / fax 035 4340583
info@publivalle.it

 

Per informazioni sul canone contattare:

SAN MARCO SPA

Filiale di SONDRIO

Lungo Mallero Cadorna 33,
23100 Sondrio (SO)
Tel. 0342 515303 - Fax 0342 510902

Email: malegno@sanmarcospa.it

 

ESENZIONI PER L'ANNO 2021 - MISURE CONNESSE ALL'EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19

L'art. 30 comma 1 D.L. 22/03/2021, n. 41, dispone che sono esenti dal pagamento del Canone, fino al 30 giugno 2021:

  • le imprese di pubblico esercizio di cui all'art. 5 legge 25/08/1991, n. 287 (già esonerate dal 1° maggio 2020 al 31 dicembre 2020)
  • i titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l'utilizzazione temporanea di suolo pubblico per l'esercizio del commercio su aree pubbliche di cui al D. Lgs. 31/03/1998, n. 114 (già esonerati dal 1° marzo 2020 al 15 ottobre 2020)